Il progetto AIM

La Provincia di Milano, attraverso l’Avviso pubblico per l’ “Attuazione di un progetto sperimentale in materia di invecchiamento attivo in azienda e di gestione dell’intergenerazionalità tra i lavoratori” e previo Accordo di partenariato sottoscritto con Assolombarda, ha inteso agire promuovendo interventi finalizzati a sperimentare in azienda strategie di promozione dell’active ageing, volte a una più efficace gestione dell’intergenerazionalità tra i lavoratori.

Il progetto AiM – Age Management in Milan, realizzato dalla Fondazione ISTUD, Eurolavoro e GI Formazione si propone come risposta a tale esigenza e come tentativo di affrontare la sfida dell’invecchiamento attivo all’interno delle aziende.

Il fenomeno dell’invecchiamento demografico nelle organizzazioni, infatti, necessita di una crescente capacità da parte delle aziende, da un lato, di individuare nuove e più efficaci strategie di gestione dei lavoratori senior e, dall’altro lato, di sviluppare un approccio intergenerazionale alle politiche di gestione delle risorse umane.

Partendo da tali considerazioni, il progetto si rivolge a una pluralità di attori organizzativi – il management di linea, gli HR manager, i lavoratori senior – che intende coinvolgere nell’implementazione di processi di age management finalizzati a:

  •  migliorare la conoscenza/consapevolezza del management in merito alle conseguenze che il processo di invecchiamento demografico genera per le organizzazioni di lavoro;
  • identificare le criticità emergenti nelle organizzazioni di lavoro legate all’aumento dell’età media della forza lavoro, al crescente mix generazionale, al prolungamento delle carriere di lavoro in ragione di obblighi normativi;
  • implementare interventi volti alla costruzione di luoghi di lavoro più inclusivi per i lavoratori di tutte le età, ovvero volti a eliminare gli ostacoli alla partecipazione attiva e produttiva dei lavoratori senior alla vita organizzativa secondo una prospettiva win-win, che sia in grado di generare benefici sia per i lavoratori (migliorandone il benessere all’interno dell’ambiente di lavoro), sia per l’organizzazione (mediante il miglioramento della produttività e la riduzione di costi).